Seleziona il tuo paese per visualizzare le informazioni corrette / Select your country to display the correct information
Switzerland
INFOLINE  0840 888 555
logo
gravidanza
 

Le ultime novità sulle cellule staminali e su Genico

15/07/2011
Staminali sperimentate contro la cecità

USA - Alcuni ricercatori hanno coinvolto per la prima volta in Usa due pazienti nel secondo tentativo autorizzato dal Governo per valutare una terapia creata con l'uso di cellule staminali embrionali.
Advanced Cell Technology (ACT), che sponsorizza lo studio, ha annunciato giovedì che un team guidato da Steven Schwartz della Ucla, martedi' ha somministrato circa 50.000 cellule in un occhio di un volontario che soffre della distrofia maculare di Stargardt, una forma progressiva di cecità che di solito inizia durante l'infanzia, e di un altro volontario con Dry Age-Related Macular Degeneration, la principale causa di cecità nel mondo sviluppato.
"La grande promessa di queste cellule viene finalmente messa alla prova", ha detto Robert Lanza, responsabile scientifico della società, in un comunicato. "L'avvio di questi due studi clinici segna una svolta importante per il settore".
Nessun dettaglio ulteriore circa le procedure e' stato comunicato. Ma Gary Rabin, presidente provvisorio della società e chief executive officer, ha detto che la ricerca "non poteva iniziare in modo piu' agevole." Non sono stati comunicati dettagli su chi siano i pazienti. Ma la società ha detto che c'e' un "recupero senza complicazioni", e Schwartz: "le prime indicazioni sono che i pazienti hanno ben tollerato le procedure chirurgiche".
La Food and Drug Administration nel mese di novembre ha approvato i piani della ACT per testare le cellule create da staminali embrionali umane su 12 pazienti affetti da diverse patologie. Ogni paziente sarà sottoposto ad un procedimento che prevede l'iniezione nei loro occhi da 50.000 a 200.000 cellule epiteliali pigmentate della retina create da cellule staminali embrionali umane. I ricercatori sperano che le cellule si sostituiranno a quelle devastate dalla malattia.

Fonte: salute.aduc.it
Altre news
 
I nostri consulenti rispondono senza impegno a qualsiasi domanda
Clicca qui per essere ricontattato
Inviaci i tuoi dati e sarai ricontattato al più presto dal tuo consulente di zona
Cliccando 'Invia' autorizzi Genico al trattamento dei tuoi dati