Seleziona il tuo paese per visualizzare le informazioni corrette / Select your country to display the correct information
Switzerland
INFOLINE  0840 888 555
logo
gravidanza
 

Le ultime novità sulle cellule staminali e su Genico

01/04/2015
Dalle staminali della placenta una “cura” per i danni da infarto

“Fattori paracrini prodotti e rilasciati dalle cellule mesenchimali stromali della membrana placentare sono in grado di agire sulle cellule della lesione infartuata favorendo nuova vascolarizzazione ed effetti citoprotettivi”. Un nuovo orizzonte nella terapia cellulare, non solo l’impiego delle cellule staminali mesenchimali ma anche dei loro prodotti!.

TG Com 24 - Le cellule staminali derivate dalla placenta umana di origine fetale che sono in grado di “riparare” i danni da infarto miocardico. A scoprirlo è stato un gruppo di ricercatori dell’Università di Pavia, che rivelano la stretta “parentela” che queste unità conservano con quelle derivate dal midollo osseo. L’unica differenza sta nella velocità di replicazione: le staminali della placenta si moltiplicano più velocemente e producono più molecole che proteggono il cuore e favoriscono la formazione di vasi sanguigni.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Stem Cells Translational Medicine. Il gruppo di ricerca coordinato da Massimiliano Gnecchi è riuscito a dimostrare che la sola somministrazione delle molecole prodotte da queste cellule fetali riduce il danno da infarto e migliora la funzione del cuore in modello animale. Una scoperta che apre nuovi orizzonti clinici per la cura dell’infarto miocardico mediante utilizzo dei fattori prodotti dalle cellule staminali.

I prodigi della medicina rigenerativa - Il team pavese ha inoltre dimostrato che modificando le cellule staminali con molecole di microRNA è possibile migliorarne la loro capacità di differenziarsi in cardiomiociti, i “mattoni” che vanno a formare il cuore. E sta proprio qui il grande prodigio della medicina rigenerativa: la possibilità di sostituire la parte di cuore morta in seguito a un infarto con nuovo tessuto cardiaco generato dalle staminali. Il prossimo obiettivo dei ricercatori sarà quello di estendere i vantaggi dei processi rigenerativi per curare non solo l’infarto ma anche lo scompenso cardiaco, una patologia molto diffusa con rischi di mortalità molto elevati.


Leggi l'abstract del report scientifico pubblicato su Stem Cells Transl Med. (in inglese)


Fonte:
Altre news
 
I nostri consulenti rispondono senza impegno a qualsiasi domanda
Clicca qui per essere ricontattato
Inviaci i tuoi dati e sarai ricontattato al più presto dal tuo consulente di zona
Cliccando 'Invia' autorizzi Genico al trattamento dei tuoi dati